Cybersecurity: come difendersi dai pericoli della rete

"Cybersecurity e giochi di ruolo attaccanti-difensori” è il titolo del quarto e ultimo degli incontri, che la Scuola IMT ha organizzato insieme all’Ufficio scolastico provinciale di Lucca e Massa Carrara, per gli studenti delle scuole superiori del territorio. Si è svolto lunedì 8 aprile, nella chiesa di San Francesco, a Lucca, dove Rocco De Nicola, professore ordinario di Informatica, e Gabriele Costa, ricercatore in Informatica, della Scuola, hanno affrontato alcuni temi di grande attualità legati ai rischi nell'utilizzo dei sistemi informatici.

La cybersecurity, del resto, è diventato un argomento quotidiano della cronaca: gli attacchi cyber vengono riportati come vere e proprie battaglie di intelletto tra chi tenta di violare i sistemi e chi li difende, i racconti colpiscono l’immaginazione, ma non sempre rispecchiano la realtà di questo mondo ancora in parte sconosciuto.

“La lezione ha approfondito proprio questi aspetti – ha spiegato il dottor Gabriele Costa - cercando di capire come avvengono alcuni degli attacchi più comuni, come si comporta un esperto di sicurezza che cerca di scoprire i punti deboli di un sistema attraverso i cosiddetti penetration test. Abbiamo usato alcune demo interattive in cui, nei panni degli attaccanti, abbiamo mostrato come la sicurezza di alcune applicazioni web possa essere compromessa. Con un focus conclusivo sulle competizioni capture-the-flag – CTF, a cui partecipano i team di cyber defender (chiamati anche white hacker)”.

Hanno partecipato alla lezione circa 200 studenti delle scuole di Lucca - il Liceo scientifico “Antonio Vallisneri”, l’ITIS “Enrico Fermi”, l’ISI “Sandro Pertini”, la Scuola Esedra, l’IT “Francesco Carrara” - e l’IIS “Barsanti-Salvetti” di Massa Carrara.

“Nostro compito come docenti è trasmettere conoscenza, stimolare la curiosità dei giovani, far crescere in loro la capacità di chiedersi sempre il perché delle cose, di porsi con spirito critico. Questi incontri sono stati concepiti, di concerto con l'Ufficio scolastico, proprio a questo scopo. Siamo contenti e onorati di aver avuto in queste settimane oltre 1.500 studenti delle scuole superiori del territorio. Iniziativa che abbiamo intenzione di sviluppare ancora", ha commentato il direttore Pietro Pietrini, portando il suo saluto agli studenti e agli insegnanti

Monday, 8 April, 2019 - 11:52