Tu sei qui

Consigliera di Fiducia

Chi è la Consigliera di Fiducia?

La Consigliera di Fiducia è una professionista nominata dalla Scuola IMT Alti Studi Lucca per offrire assistenza e consulenza a chi nella comunità accademica (studenti/studentesse; ricercatori/ricercatrici; professori/professoresse) e tra il personale tecnico amministrativo vive una situazione di discriminazione, molestie e/o mobbing.
Il ruolo di Consigliera di Fiducia è stato istituito con la Raccomandazione della Commissione Europea 92/131 relativa alla Tutela della dignità delle donne e degli uomini sul lavoro e con la Risoluzione A3-0043/94 del Parlamento Europeo.
La figura, come previsto dal Regolamento istitutivo della/del Consigliera/e di fiducia per prevenire e contrastare discriminazioni e molestie nei luoghi di lavoro e di studio della Scuola collabora e relaziona al Comitato Unico di Garanzia della stessa circa gli esiti della sua attività.

Che cosa può fare la Consigliera di fiducia?

La Consigliera di Fiducia ha tra i suoi compiti principali quelli di:

  • prestare la sua assistenza e la sua attività̀ di ascolto, garantendo l’anonimato, a chi è vittima di discriminazioni, molestie e/o mobbing verificatisi nei luoghi di studio o di lavoro della Scuola e, su richiesta della persona interessata, informa sulle diverse opzioni per affrontarlo e tratta la soluzione del caso;
  • monitorare eventuali situazioni di rischio, laddove segnalate, svolgendo attività̀ di rilevazione dei disagi nel rispetto dell’anonimato.

Come contattare la Consigliera di Fiducia?

La Consigliera di Fiducia può essere contattata:

  • via mail all’indirizzo: consiglieradifiducia@imtluccca.it;
  • via telefono al numero: +39 0583 4326581;
  • presso la sede della Scuola in Piazza San Ponziano n. 6, nei locali della Meeting Room al piano terra, secondo il calendario pubblicato sulla intranet della Scuola.

La Consigliera di Fiducia è disponibile per appuntamento, in sede o da remoto, da fissare via mail o telefono.

Qualche definizione utile:

  • Discriminazione: ogni comportamento finalizzato a discriminare una persona in base a sesso, genere, etnia, razza, religione, orientamento sessuale, credenze personali e politiche, disabilità, età, e qualsiasi altro fattore;
  • Molestia psicologica o morale: ogni comportamento indesiderato che crea un clima relazionale ostile, umiliante degradante e offensivo e minaccia la integrità psicologica e/o fisica della persona;
  • Molestia sessuale: ogni comportamento indesiderato o condotta di natura sessuale, atteggiamento degradante o azione verbale e/o fisica diretta a colpire la sessualità e la dignità della persona;
  • Mobbing: una serie di azioni o comportamenti che sono sistematici e ripetuti nel tempo, con toni denigratori e vessatori che possono minare la professionalità di una persona e la sua dignità nel luogo di lavoro e di studio.

Per maggiori informazioni si prega di consultare il Regolamento istitutivo della/del Consigliera/e di fiducia per prevenire e contrastare discriminazioni e molestie nei luoghi di lavoro e di studio.